Somalia- Mogadishu 2012
Africa, Somalia, Benadir region, Mogadishu. March 2012. The Catholic cathedral, in the Shangaani neighborhood in the old city of Mogadishu.Africa, Somalia, nella regione Benadir, Mogadiscio. Marzo 2012. La cattedrale cattolica, nel quartiere Shangaani nella città vecchia di Mogadiscio.
Militia zealous to oust islamist in Mali
Africa, Mali, Mopti. 31/07/2012. Some members of the militia FLN "Liberation des Regions du Nord" are seen during the training. ©Marco Gualazzini/ New York TimesAfrica, Mali, Mopti. 31/07/2012. Alcuni membri della milizia FLN "Liberation des Regions du Nord" durante l’addestramento. © Marco Gualazzini / New York Times
Consequence- Central African Republic: two years on from the outbreak of the crisis
Africa, Central African Republic, Bangui. 30th January 2015. Pk5 (the five refers to the distance in kilometres from the centre), is the name of the neighbourhood in Bangui in which the capital’s Muslim community has taken refuge. Today some 2000 Muslims live in what has become a ghetto, a sort of open-air prison. Anyone who attempts to venture out becomes an easy target for the Anti-Balaka militia groups. The conflict in Bangui has led to the closure of the markets, making all kinds of food supplies difficult to obtain. Once a month, rations are distributed in Pk5, consisting of half a litre of oil and 50 kg of rice per family.Africa, Repubblica Centrafricana, Bangui. 30 gennaio 2015. Pk5 (Punto chilometrico, ovvero la distanza dal centro), nome del quartiere di Bangui in cui si si è rifugiata la comunità mussulmana della capitale. Oggi circa 2000 mussulmani vivono all’interno di quello che è diventato un ghetto, come in una prigione a cielo aperto. Chiunque tenti di uscire dal quartiere diviene facile bersaglio delle milizie Anti-Balaka. Il conflitto a Bangui ha provocato una chiusura dei mercati e reso sempre più difficile il riferimento di ogni genere alimentare. Una volta al mese nel Pk5 avviene la distribuzione dei viveri che consistono in mezzo litro d’olio, e 50 kg di riso per famiglia.
The war of Coltan- Kivu 2013
Republic Democratic of Congo, North Kivu, Masisi, Rubaya. 16/09/2013 Coltan, a rare metal used to make mobile phones and computers, is a mixture of Columbite and Tantalite. Its market value is so high as to have aroused the interest of multinational corporations and criminal organizations: in order to destabilize the political situation and take control of the mining business at a reasonable price, financial backing is given to armed groups waging war on one another. Under the supervision of the buyers in Rwanda, soldiers and police control the territory, exploiting the local population and reselling its natural resources: the proceeds are used to buy other weapons that provide additional power, thus creating a vicious circle it is difficult to break. Workers exit a mine shaft. Miners dig 50 meters underground for the minerals before transporting them to a nearby river where they are separated from rocks and sand before being sold to dealers. Mine accidents are common.Repubblica Democratica del Congo, Nord Kivu, Masisi, Rubaya. 16/09/2013 Il Coltan, un metallo raro usato per i microchip di telefoni cellulari e computer, è una miscela di Columbite e tantalite. Il suo valore di mercato è così alto da aver suscitato l'interesse di multinazionali ed organizzazioni criminali: per destabilizzare la situazione politica ed appropriarsi dell'estrazione mineraria a prezzi contenuti, vengono finanziati gruppi armati in guerra tra di loro. Sotto la supervisione dei compratori in Rwanda, soldati e poliziotti controllano il territorio, sfruttando la popolazione locale e rivendendo le risorse naturali: i proventi servono ad acquistare altre armi che garantiscono un ulteriore potere. Un circolo vizioso difficile da debellare. Alcuni minatori escono da una un tunnel della miniera. Questi minatori scavano a volte buchi profondi oltre 50 metri per trovare i minerali. Una volta rimenpiti i sacchi, questi vengono trasportati ad un fiume ai piedi della collina dove sorge la mini
Somalia: the resilient Nation (life returns in aftermath Al- Shabaab)
Africa, Somalia, Bosaso. 06/10/2015 Haji Mire Primary School in Bosaso, with 9 classes where children study English, Arabic, Maths, Physics and the Koran. Bosaso: the coastal city of 700,000 inhabitants. It is the main port of Somalia and it is the capital of Puntland; this macro-northern region, compare to the rest of the country, enjoys of a relative political and military stability.
The war of Coltan- Kivu 2013
Republic Democratic of Congo, North Kivu, Masisi, Rubaya. 14/09/2013. The armed rebel movement of the Nyatura was formed by the secession, in 2010, of the CNDP rebel movement, now called M23. Formed mostly by Congolese Hutu, they are led by Colonel Marcel Habarugira. Today some of these rebels have been reintegrated into the regular Congolese army F.A.R.D.C. Without any form of salary, they survive by bullying. through abuse of power, abuse of civilians, raiding night and day and demanding a 10% tax on all forms of activity in the city of Rubaya. Some Nyatura patrol the territory around the mines.©Marco Gualazzini/ Getty Images Grants for Editorial Photography Recipient 2013Repubblica Democratica del Congo, Nord Kivu, Massisi, Rubaya. 14/09/2013. Il movimento ribelle armato dei Nyatura si è formato dalla secessione, avvenuta nel 2010, dal movimento ribelle CNDP, oggi chiamato M23. Formati per lo più da hutu congolesi, sono guidati dal Colonnello Marcel Habarugira. Oggi una parte di questi ribelli è stata reintegrata all'esercito regolare congolese FARDC. Privi di qualunque forma di stipendio sopravvivono spadroneggiando, con abusi di potere, soprusi sui civili, razzie notturne, e diurne, pretendendo una tassa del 10% su qualunque forma di attività nella città di Rubaya. Alcuni Nyatura pattugliano il territorio attorno alle Miniere.
Somalia- Mogadishu 2012
Africa, Somalia, Benadir region, Mogadishu. March 2012. Banadir hospital, the main hospital of Mogadishu. Africa, Somalia, nella regione Benadir, Mogadiscio. Marzo 2012. Ospedale Banadir, il principale ospedale di Mogadiscio.
Sudan Borders War
Africa, South Sudan, South Kordofan. 05/12/2013. Yida refugee camp in South Sudanese territory, 20 km far from the border with Sudan. The camp hosts 68,000 refugees from the Nuba Mountains. Some children play on the wreck of an Antonov. Africa, Sud Sudan, Sud Kordofan. 2013/05/12. Il Campo profughi di Yida in territorio Sud Sudanese, a 20 km dal confine con il Sudan. Il campo ospita 68.000 rifugiati dai Monti Nuba. Alcuni bambini giocano sul relitto di un Antonov.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.Congo, North Kivu, Rutshuru. 15th October 2012. A view of the territory of the Province of Rutshuru, governed by the M23 rebels, successors of the CNDP and accused by both the UN and the government of Kinshasa of being supported by Rwanda.Africa, R.D.Congo, Nord Kivu, Rutshuru. 15 ottobre 2012. Una veduta del territorio della Provincia di Rutshuru, governato dai ribelli M23, successori del CNDP e accusati sia le Nazioni Unite che dal governo di Kinshasa di essere sovvenzionati da Ruanda.
Kivu, between religion, superstition and madness
Africa, D. R. Congo, Bukavu. 07/02/2009. The rite of baptism of the "sect" that is called "New Apostles" on the shore of the Lake Kivu.Africa, R. D. Congo, Bukavu. 07/02/2009. Il rito del battesimo della "setta" dei "Nuovi Apostoli" sulle rive del lago Kivu.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.Congo. North Kivu. Goma. 26th November 2012. Out of fear of the take-over of Goma by M23 rebels, Thousands people (767,000 have been displaced in the east of Congo since April following the outbreak of war between the M23 rebel movement and the FARDC) fled to refugees camps Mugunga 1 and 3. Many people in this sites say they have witnessed shocking scenes of violence with people being burned in their homes and decapitated. Internally displaced Congolese wait for food to be distributed by WFP at the Mugunga 3 camp outside the eastern Congolese town of Goma.Africa, R.D.Congo. Nord Kivu. Goma. 26 novembre 2012. Per paura che la città di Goma venga sia dai ribelli del gruppo M23, migliaia di persone sono fuggita nei campi profughi Mugunga 1 e 3. (dall'aprile 2012, a seguito dello scoppio della guerra tra il movimento ribelle M23 e FARDC, sono 767.000 gli sfollati nella parte orientale del Congo). Molte persone intervistate in questi campi dicono di aver assistito a scene scioccanti di violenza con persone che bruciate nelle loro case e decapitati. Alcuni sfollati congolesi in attesa di il cibo distribuito dal WFP nel campo Mugunga 3, nella prima periferia della città di Goma.
Sudan Borders War
Africa, Sudan, South Kordofan. 29/11/2013. A South Kordofan landscape. The people of Nuba Mountains, long time victims of discrimination from South Sudan government, has been subjected to a fierce campaign of aerial bombardment since June 2011 after fighting broke out between Khartoum and Nuba Rebels, the SPLA-N troops. Africa, Sudan, Sud Kordofan. 29.11.2013. Un paesaggio del Sud Kordofan. La gente dei monti Nuba, sono vittime da molto tempo di discriminazione da parte del governo del Sudan, e sono state sottoposte ad una feroce campagna di bombardamento aereo indiscriminato dal giugno del 2011 dopo che sono scoppiati gli scontri tra i ribelli Nuba, le truppe SPLA-N e il governo di Khartoum.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.Congo- North Kivu, Rutshuru. 15th October 2012. Brigadier General Sultani Makenga (seated) of the newly formed Congolese Revolutionary is seen in Rumangabo military camp (Bunagana), Democratic Republic of Congo. The M23 Movement, the newly formed political wing of former M23 rebels, has formed a semi autonomous administration structure in areas under their control in north Kivu province in the DRC.Africa, R.D.Congo- Nord Kivu, Rutshuru. 15 ottobre 2012. Il generale di brigata Sultani Makenga (seduto) dei nuovi rivoluzionari Congolesi è ritratto a Rumangabo, nel campo militare (Bunagana), Repubblica Democratica del Congo. Il Movimento M23, l'ala politica degli ex ribelli dell’omonimo gruppo, ha formato una struttura amministrativa semi autonoma nelle zone sotto il loro controllo nelle provincie del nord Kivu, in RDC.
Consequence- Central African Republic: two years on from the outbreak of the crisis
Africa, Central African Republic, Bangui. 30th January 2015. Pk5 (the five refers to the distance in kilometres from the centre), is the name of the neighbourhood in Bangui in which the capital’s Muslim community has taken refuge. Today some 2000 Muslims live in what has become a ghetto, a sort of open-air prison. Anyone who attempts to venture out becomes an easy target for the Anti-Balaka militia groups. The conflict in Bangui has led to the closure of the markets, making all kinds of food supplies difficult to obtain. Once a month, rations are distributed in Pk5, consisting of half a litre of oil and 50 kg of rice per family.Africa, Repubblica Centrafricana, Bangui. 30 gennaio 2015. Pk5 (Punto chilometrico, ovvero la distanza dal centro), nome del quartiere di Bangui in cui si si è rifugiata la comunità mussulmana della capitale. Oggi circa 2000 mussulmani vivono all’interno di quello che è diventato un ghetto, come in una prigione a cielo aperto. Chiunque tenti di uscire dal quartiere diviene facile bersaglio delle milizie Anti-Balaka. Il conflitto a Bangui ha provocato una chiusura dei mercati e reso sempre più difficile il riferimento di ogni genere alimentare. La preghiera del venerdì nella Moschea di Atic, una delle 5 sopravvissute delle 29 che esistevano una volta nel Pk5.
The war of Coltan- Kivu 2013
Republic Democratic of Congo, North Kivu, Masisi, Rubaya. 20/09/2013. The armed rebel movement of the Nyatura was formed by the secession, in 2010, of the CNDP rebel movement, now called M23. Formed mostly by Congolese Hutu, they are led by Colonel Marcel Habarugira. Today some of these rebels have been reintegrated into the regular Congolese army F.A.R.D.C. Without any form of salary, they survive by bullying. through abuse of power, abuse of civilians, raiding night and day and demanding a 10% tax on all forms of activity in the city of Rubaya. Some Nyatura patrol the city center of Rubaya at sunset.Repubblica Democratica del Congo, Nord Kivu, Massisi, Rubaya. 20/09/2013. Il movimento ribelle armato dei Nyatura si è formato dalla secessione, avvenuta nel 2010, dal movimento ribelle CNDP, oggi chiamato M23. Formati per lo più da hutu congolesi, sono guidati dal Colonnello Marcel Habarugira. Oggi una parte di questi ribelli è stata reintegrata all'esercito regolare congolese FARDC. Privi di qualunque forma di stipendio sopravvivono spadroneggiando, con abusi di potere, soprusi sui civili, razzie notturne, e diurne, pretendendo una tassa del 10% su qualunque forma di attività nella città di Rubaya. Alcuni Nyatura pattugliano il centro della città al tramonto.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.Congo - North Kivu, Rutshuru. 16th October 2012. A view of the territory of the Province of Rutshuru, governed by the M23 rebels, successors of the CNDP and accused by both the UN and the government of Kinshasa of being supported by Rwanda. A mentally ill kid chained is sitting on the edge of the road. He has been shackled by his parents, because he used to throws rocks against M23's vehicles.Africa, R.D.Congo - Nord Kivu, Rutshuru. 16 ottobre 2012. Una veduta del territorio della Provincia di Rutshuru, governato dai ribelli M23, successori del CNDP e accusati sia dalle Nazioni Unite che dal governo di Kinshasa di essere finanziati dal Ruanda. Un ragazzino malato di mente incatenato al bordo della strada. È stato ammanettato dai suoi genitori, perché tirava pietre contro i veicoli di M23.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.Congo- North Kivu, Goma. 10th October 2012. Stella Sekanabo was killed on the night of October 9, 2012 by a group of unidentified men. The day of the funeral, relatives and friends attribute the murder to a  group of Tutsi rebels linked to M23. Yet another episode of violence pushing  Hutu in an ethnic psychosis towards Tutsi. After this murder a curfew was settled in the city of Goma.Africa, R.D.Congo- Nord Kivu, Goma. 10 ottobre 2012. Stella Sekanabo è stato ucciso la notte del 9 ottobre 2012 da un gruppo di uomini non identificati. Il giorno del funerale, i parenti e gli amici attribuiscono l'omicidio ad un gruppo di ribelli tutsi legati agli M23. Un ulteriore episodio di violenza che spinge gli Hutu in una psicosi etnica verso tutsi. Dopo questo omicidio è stato proclamato il coprifuoco nella città di Goma.
Somalia- Mogadishu 2012
Africa, Somalia, Benadir region, Mogadishu. March 2012. Children play at the Lido neighborhood of Mogadishu.Africa, Somalia, nella regione Benadir, Mogadiscio. Marzo 2012. Alcuni bambini giocano al Lido di Mogadiscio.
Somalia: the resilient Nation (life returns in aftermath Al- Shabaab)
Africa, Somalia, Mogadishu. 10/10/2015. A man carries a huge hammerhead through the streets of Mogadishu. A recent escalation of plunders of Somali waters by foreign fishing vessels could mean the return of hijackings, locals warn. The country's waters have been exploited by illegal fisheries and the economic infrastructure that once provided jobs has been ravaged.
Somalia- Mogadishu 2012
Africa, Somalia, Benadir region, Mogadishu. March 2012. Students study at a Koranic 'madrassa', or school in the Hawl Wadag district. Koranic Tablets. Africa, Somalia, nella regione Benadir, Mogadiscio. Marzo 2012. Gli studenti durante una classe coranica in una “madrassa”- o la scuola islamica- nel distretto Hawl Wadag. Alcune tavole Coraniche appoggiate al muro.
Somalia: the resilient Nation (life returns in aftermath Al- Shabaab)
Africa, Somalia, Bosaso. 5/10/2015. Abdelaziz Ahmed Abbas, 49 years old, from Aden, Yemen, lost his wife and 5 of his 6 children. Only a son survived the war. He fled to Bosaso with other Somali returnees and Refugees from Yemen. He got hospitality at the Reception Centre A: one of the two centres in Bosaso that hosts Yemenite refugees and Somali returnees (Somali people who fled to Yemen from the war in Somalia) arriving in Somalia to escape the war that broke out in Yemen in April. To the question "Now, what are you going to do?" he replied: I do not know.
The war of Coltan- Kivu 2013
Republic Democratic of Congo, North Kivu, Masisi, Rubaya. 16/09/2013 Coltan, a rare metal used to make mobile phones and computers, is a mixture of Columbite and Tantalite. Its market value is so high as to have aroused the interest of multinational corporations and criminal organizations: in order to destabilize the political situation and take control of the mining business at a reasonable price, financial backing is given to armed groups waging war on one another. Under the supervision of the buyers in Rwanda, soldiers and police control the territory, exploiting the local population and reselling its natural resources: the proceeds are used to buy other weapons that provide additional power, thus creating a vicious circle it is difficult to break. Workers exit a mine shaft. Miners dig 50 meters underground for the minerals before transporting them to a nearby river where they are separated from rocks and sand before being sold to dealers. Mine accidents are common.Repubblica Democratica del Congo, nel Kivu settentrionale, Masisi, Rubaya. 16/09/2013 Il Coltan, un metallo raro usato per i microchip di telefoni cellulari e computer, è una miscela di Columbite e tantalite. Il suo valore di mercato è così alto da aver suscitato l'interesse di multinazionali ed organizzazioni criminali: per destabilizzare la situazione politica ed appropriarsi dell'estrazione mineraria a prezzi contenuti, vengono finanziati gruppi armati in guerra tra di loro. Sotto la supervisione dei compratori in Rwanda, soldati e poliziotti controllano il territorio, sfruttando la popolazione locale e rivendendo le risorse naturali: i proventi servono ad acquistare altre armi che garantiscono un ulteriore potere. Un circolo vizioso difficile da debellare. Alcuni minatori escono da una un tunnel della miniera. Questi minatori scavano a volte buchi profondi oltre 50 metri per trovare i minerali. Una volta rimenpiti i sacchi, questi vengono trasportati ad un fiume ai piedi della collina dove
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D. Congo, South Kivu. 10th October 2012. The Ruzizi River, the natural border between R.D.C. (on the right of the pic) and Rwanda: lands divided for years by conflict and racial hatred.Africa, R.D. Congo, Sud Kivu. 10 ottobre 2012. Il Ruzizi, il confine naturale tra R.D.C. (a destra della foto) e il Ruanda: le terre divise per anni da conflitti e odio razziale.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.Congo. North Kivu. Goma. 19th October 2012. A view of the city.Africa, R.D.Congo. Nord Kivu. Goma. 19 ottobre 2012. Una veduta della città.
Glória in excélsis Deo - Crisis in Nigeria
Africa, Nigeria, Kano. 12/03/2013. The Madrasa Madarasatu Kafaliatu Ibrahim School in Kano. One of the oldest Madrasa in Kano, where hundreds of children are taught the Koran.Africa, Nigeria, Kano. 2013/12/03. La Madrasa Madarasatu Kafaliatu Ibrahim School di Kano. Una delle più antiche Madrasa di Kano, dove a centinaia di bambini si insegna il Corano.
Somalia: the resilient Nation (life returns in aftermath Al- Shabaab)
Africa, Somalia, Mogadishu. 12/10/2015. Women Refugees from Yemen in a queue waiting the distribution of the UCT. Unconditional Cash Transfer and Emergency medical support is provided to the Yemeni Refugees and Returnees in Bexani Medical Clinic Center of Mogadishu. The Project is implemented by IRC and Funded by DFID under the IRF project.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.C.- North Kivu, Goma. Ndosho quarter. 18th October 2012. The pain felt for the death of Innocence Rugomoga, 37, the father of three children. Innocence was murdered with three shots from a firearm at 7.45 p.m. on the night of 17 October, during the curfew. No-one was able to rescue or help the man until the first light of dawn, for fear of running into one of the soldiers. Witnesses say they saw men wearing military uniform and boots, and the local folk once again suspect the FARDC.Africa, R.D. Congo, Nord Kivu, Goma. 18 ottobre 2012, quartiere di Ndosho. Il dolore per la morte di Innocence Rugomoga, 37 anni padre di tre figli. Innocence è stato assassinato con tre colpi di arma da fuoco alle 19,45 nella notte del 17 ottobre durante il coprifuoco. Nessuno ha potuto soccorrere l'uomo fino alle prime luci dell'alba per il terrore di imbattersi nei militare. I testimoni riportano di aver visto uomini in divisa ed anfibi militari. I sospetti degli abitanti del quartiere ricadono ancora una volta sulle FARDC.
Somaliland, a ghost country
Africa, Somaliland, Hargeisa. 03/10/2011. Shooting a tv programme at the "Somaliland National TV" studios.Africa, Somaliland, Hargeisa. 03/10/2011. Le riprese di un programma televisivo negli studios del "Somaliland National TV”.
Somalia- Mogadishu 2012
Africa, Somalia, Benadir region, Mogadishu. March 2012. Some people dance in the Suqamallaiga neighborhood of the capital.Africa, Somalia, nella regione Benadir, Mogadiscio. Marzo 2012. Alcune persone ballano nel quartiere Suqamallaiga della capitale.
M23- Kivu: a region under siege
Africa, R.D.Congo- North Kivu, Goma. 10th October 2012. The cemetery where Stella Sekanabo is buried is on the outskirts of Goma, on the land that marks the border between R.D. Congo and Rwanda (countries at war for over 20 years; the only land they share is occupied by the dead). Stella Sekanabo was killed on the night of October 9, 2012 by a group of unidentified men. The day of the funeral, relatives and friends attribute the murder to a  group of Tutsi rebels linked to M23. Yet another episode of violence pushing  Hutu in an ethnic psychosis towards Tutsi. After this murder a curfew was settled in the city of Goma.Africa, R.D.Congo- Nord Kivu, Goma. 10 ottobre 2012. Il cimitero dove è sepolta Sekanabo Stella si trova alla periferia di Goma, sulla terra che segna il confine tra R.D.C. e il Ruanda. Stella Sekanabo è stata uccisa la notte del 9 ottobre 2012 da un gruppo di uomini non identificati. Il giorno del funerale, i parenti e gli amici attribuiscono l'omicidio ad un gruppo di ribelli tutsi legati agli M23. Un ulteriore episodio di violenza che spinge gli Hutu in una psicosi etnica verso tutsi. Dopo questo omicidio è stato proclamato il coprifuoco nella città di Goma.